Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2020

Cinema / La forza di Alice. La forza delle donne.

Immagine
Il multiforme mondo dei cortometraggi è spesso un terreno di crescita e sperimentazione dove i giovani cineasti si mettono alla prova con il sogno di tentare il grande salto nelle produzioni dei lungometraggi, ossia, il cinema che conta. Tuttavia,  da qualche anno a questa parte, si mette in evidenza una grande produzione di  corti,  dove a cimentarsi con questa forma di cinema di nicchia si nota la presenza di artisti affermati o quantomeno non alle prime armi. Proprio a quest'ultima categoria appartiene Michele Li Volsi, cinquantenne regista e attore palermitano che con il suo ultimo lavoro,  La forza di Alice,  affronta con coraggio e lucidità tematiche scabrose ma quanto mai attuali quali la violenza sulle donne, l'omosessualità femminile e la procreazione assistita. La forza di Alice  narra in poco più di 13 minuti, le vicende, tratte da un fatto di cronaca, di una coppia omosessuale, Alice e Andrea, che decidono di avere un figlio nella Sicilia dei nostri tempi,

Mostre / La fruizione artistica per uscire dall'isolamento

Immagine
Dal 20 maggio al 20 giugno 2020 presso la Ikigai Art Gallery di Roma, in occasione del cinquecentesimo anniversario della morte di Raffaello Sanzio, avrà luogo una esposizione artistica, curata dalla Dott.ssa Alessia Ferraro, che vuole essere una possibile via di uscita, lastricata di bellezza, dall'isolamento dettato dalle misure anti Covid 19. Condividerò lo spazio espositivo con altri due artisti, Saverio Galano e Emanuele Marchetti.  Galano presenta tre interessanti opere pittoriche che trovano forza nella "poesia del movimento" (A. Ferraro). Immagini che rappresentano in una dimensione onirica da dove è difficile fuggire, figure archetipiche del mondo dello spettacolo, come giocolieri, poeti, contorsionisti, in atteggiamenti riflessivi e collocati in uno spazio dove la comunicazione è difficile, dove il pensiero non riesce a materializzarsi in parola. Marchetti invece propone "opere  intessute da una perizia tecnica in grado di plasmare “manieristici” t

Ridi pagliaccio: gli artisti nel tempo del Coronavirus

Immagine
Come da un pò di tempo a questa parte, ho assistito alla conferenza stampa del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il corpus delle comunicazioni ha riguardato le cifre degli ammortizzatori economici messi in campo per fronteggiare le perdite ingenti causate dal famigerato lockdown . Questa volta, dopo tante proteste riguardo alla loro "invisibilità" al mondo politico, sono stati citati anche gli artisti. Il Presidente del Consiglio ha dichiarato la cifra destinata al sostegno agli artisti, che tanto ci fanno "divertire".  Premesso che nei confronti del Presidente del Consiglio sento di nutrire una certa stima, anche perchè non oso immaginare gli accadimenti, se il suo seggio fosse stato occupato da altri personaggi, riconosco che la sua "uscita" ha attratto la mia attenzione. Molto più della girandola di miliardi annunciati che marceranno sul suolo patrio in un epico quadro degno da "Arrivano i nostri" che non più di tre mesi fa poteva

Cinema / Notti magiche: lo strano mondo del cinema

Immagine
Paolo Virzì è un regista che mi piace. Da  La bella vita ( 1994) a  La pazza gioia  (2016) ha realizzato pellicole interessanti dove sovente ha mostrato le vicende personali dei protagonisti, spesso tormentati, inseriti in un contesto sociale connotato. L'attore Roberto Herlitzka in un intervista ha dichiarato che è un regista gentile che sa cosa vuole e il suo modo di fare crea un atmosfera amichevole e collaborativa sul set.  Del 2018 è  Le notti magiche.  La trama del film è relativamente semplice: Roma, n ell'estate del mondiale di calcio del 1990 , precisamente il 3 luglio durante la semifinale tra Italia e Argentina , un noto produttore cinematografico viene trovato morto nelle acque del Tevere . I principali sospettati dell'omicidio sono tre giovani aspiranti sceneggiatori, finalisti del Premio Solinas : nel corso di una notte nella caserma dei carabinieri viene ripercorso il loro viaggio pieno di speranze, sentimentale e ironico, nello splendore e nelle miserie d